Federigo Tozzi e le forme della discontinuità