'Occhi di serpente' e il problema dell'attore nel cinema postmoderno