Giovanni Morelli tra critica delle arti e collezionismo