Dall’Unità d’Italia ai nostri giorni: il tramonto del libretto?