Recensione a Pietro Palumbo. Cura della finitezza