L'audace "metaromanzo" di Gianna Manzini