Catehrine Brice, Perché studiare (ancora) la monumentalità pubblica?