Un requiem per il romanzo giallo. Sul finale del «Pasticciaccio»,