Il "Pasticciaccio", con il suo esito in "apocope drammatica", decreta lo scacco definitivo del programma della "Meditazione milanese": l'impresa di mettere in ordine il mondo, supremo fine etico della letteratura, cede alla complessità dei significati del reale.

Un requiem per il romanzo giallo. Sul finale del «Pasticciaccio»,

BIGNAMINI, MAURO
2005

Abstract

Il "Pasticciaccio", con il suo esito in "apocope drammatica", decreta lo scacco definitivo del programma della "Meditazione milanese": l'impresa di mettere in ordine il mondo, supremo fine etico della letteratura, cede alla complessità dei significati del reale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/100297
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact