Nel proemio della sua opera maggiore, Procopio esalta i nuovi arcieri a cavallo bizantini, rivendicandone l'efficacia in combattimento. L'articolo ripercorre la difficile accettazione dell'arco, considerato un'arma sleale, nella storia della guerra greca e romana, evidenziando la decisiva trasformazione della mentalità, oltre che della tattica militare, che si manifsta in epoca protobizantina.

L’arco e la spada. Procopio e il nuovo esercito bizantino

BRECCIA, GASTONE
2004

Abstract

Nel proemio della sua opera maggiore, Procopio esalta i nuovi arcieri a cavallo bizantini, rivendicandone l'efficacia in combattimento. L'articolo ripercorre la difficile accettazione dell'arco, considerato un'arma sleale, nella storia della guerra greca e romana, evidenziando la decisiva trasformazione della mentalità, oltre che della tattica militare, che si manifsta in epoca protobizantina.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/101244
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact