La Corte costituzionale e la dimensione soggettiva del potere regolamentare regionale