Sulla base di corrispondenze testuali, lessicali e sintattiche, si dimostra che Cervantes attinse un episodio del Quijote I 20 direttamente a un’antica novella italiana (Ciento novelle antike XXXI, pubblicata nell’editio princeps del 1525) tratta dalla Disciplina clericalis, contaminandola con il modello di Decameron VI 1. Si mette così in luce come l’autore del romanzo, riprendendo in chiave parodica due novelle, abbia inteso rendere un raffinato omaggio alle origini dell’intera tradizione narrativa romanza medievale.

Favolatori assonnati e novellatori nel pecoreccio: Cervantes e il 'Novellino'

CONTE, ALBERTO
1997

Abstract

Sulla base di corrispondenze testuali, lessicali e sintattiche, si dimostra che Cervantes attinse un episodio del Quijote I 20 direttamente a un’antica novella italiana (Ciento novelle antike XXXI, pubblicata nell’editio princeps del 1525) tratta dalla Disciplina clericalis, contaminandola con il modello di Decameron VI 1. Si mette così in luce come l’autore del romanzo, riprendendo in chiave parodica due novelle, abbia inteso rendere un raffinato omaggio alle origini dell’intera tradizione narrativa romanza medievale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/102408
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact