La prevedibilità del danno come criterio di equilibrio contrattuale