Rigore definitorio e "ingiustiziabilità" di un conflitto