Il libro recensito, pubblicato all’indomani dello svolgimento del primo referendum abrogativo della storia repubblicana, considera l’istituto in maniera molto restrittiva, quale strumento meramente residuale che non può alterare il funzionamento dalla forma di governo parlamentare. In questa prospettiva anche i limiti alle richieste di referendum, previsti dal comma 2 dell’art. 75 della Costituzione, non sarebbero tassativi, bensì necessiterebbero di una interpretazione sistematica tale da estendere la loro portata ad altre ipotesi di inammissibilità implicita. In tal senso potrà essere decisivo il ruolo della Corte costituzionale in sede di giudizio di ammissibilità delle richieste di referendum.

Recensione a: Chiappetti A., L'ammissibilità del referendum abrogativo, Milano 1975, Giuffrè

BETTINELLI, ERNESTO
1975

Abstract

Il libro recensito, pubblicato all’indomani dello svolgimento del primo referendum abrogativo della storia repubblicana, considera l’istituto in maniera molto restrittiva, quale strumento meramente residuale che non può alterare il funzionamento dalla forma di governo parlamentare. In questa prospettiva anche i limiti alle richieste di referendum, previsti dal comma 2 dell’art. 75 della Costituzione, non sarebbero tassativi, bensì necessiterebbero di una interpretazione sistematica tale da estendere la loro portata ad altre ipotesi di inammissibilità implicita. In tal senso potrà essere decisivo il ruolo della Corte costituzionale in sede di giudizio di ammissibilità delle richieste di referendum.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/103300
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact