A partire dai pochi e allusivi riferimenti dei "Quaderni del carcere" di Gramsci all'esperienza del primo piano quinquennale sovietico, nonché delle numerose annotazioni dedicate al corporativismo fascista e al fenomeno dell'americanismo, è possibile ricostruire una sorta di "critica dell'economia politica" gramsciana, che pur prendendo progressivamente le distanze dallo stalinismo, ritiene il principio della regolazione dell'economia come costitutivo della stessa modernità

Gramsci e il «piano». L’«economia regolata» e l’Unione Sovietica nell’analisi dei «Quaderni del carcere» / G. COSPITO. - In: MARX CENTOUNO. - STAMPA. - 10:18(1994), pp. 98-110.

Gramsci e il «piano». L’«economia regolata» e l’Unione Sovietica nell’analisi dei «Quaderni del carcere»

COSPITO, GIUSEPPE
1994

Abstract

A partire dai pochi e allusivi riferimenti dei "Quaderni del carcere" di Gramsci all'esperienza del primo piano quinquennale sovietico, nonché delle numerose annotazioni dedicate al corporativismo fascista e al fenomeno dell'americanismo, è possibile ricostruire una sorta di "critica dell'economia politica" gramsciana, che pur prendendo progressivamente le distanze dallo stalinismo, ritiene il principio della regolazione dell'economia come costitutivo della stessa modernità
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/105325
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact