Romagnosi e Cattaneo tra istanze illuministiche ed eredità vichiane