Il giudicato come limite implicito all'operatività della regola ex art. 297, comma 3, c.p.p.