Il contributo mette a fuoco per la prima volta la complessiva vicenda pittorica di Girolamo da Brescia, un frate carmelitano itinerante attivo tra Firenze, Brescia, Pavia e Savona negli anni a cavallo tra Quattro e Cinquecento. Il recupero di alcune nuove opere dell'artista, tra cui un importante affresco nella chiesa del Carmine a Pavia, consente di chiarire i caratteri del suo linguaggio, nel quale i modelli di Vincenzo Foppa sono interpretati alla luce delle più moderne suggestioni fornite dalle opere di Bernardo Zenale e di Pier Francesco Sacchi.

Girolamo da Brescia, pittore carmelitano / FRANGI F.. - In: ARTE CRISTIANA. - ISSN 0004-3400. - STAMPA. - 764-765(1994), pp. 399-410.

Girolamo da Brescia, pittore carmelitano

FRANGI, FRANCESCO
1994

Abstract

Il contributo mette a fuoco per la prima volta la complessiva vicenda pittorica di Girolamo da Brescia, un frate carmelitano itinerante attivo tra Firenze, Brescia, Pavia e Savona negli anni a cavallo tra Quattro e Cinquecento. Il recupero di alcune nuove opere dell'artista, tra cui un importante affresco nella chiesa del Carmine a Pavia, consente di chiarire i caratteri del suo linguaggio, nel quale i modelli di Vincenzo Foppa sono interpretati alla luce delle più moderne suggestioni fornite dalle opere di Bernardo Zenale e di Pier Francesco Sacchi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/107559
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact