Retorica e tradizione: una postilla a A.O. Hirschman