Obiettivo. Gli Autori presentano aspetti positivi e negativi della Chirurgia Plastica praticata in una Unità Operativa Ospedaliera centralizzata di day-surgery. Metodi. È stata condotta un'indagine retrospettiva, relativa a 16 mesi (anni 1998-1999) di attività di day-surgery nell'ambito di un sistema centralizzato; i dati ottenuti sono stati paragonati all'attività di day-surgery svolta nell'anno 1997 nell'ambito di un sistema non centralizzato. L'indagine si è svolta presso l'Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo ­ Fondazione Macchi ­ Varese; sono stati trattati in totale 179 pazienti appartenenti a tutte le fasce d'età, dotati di caratteristiche cliniche, intellettuali e sociali tali da consentire la terapia chirurgica in regime di day-hospital. Le patologie trattate sono raggruppabili in sei gruppi: patologia produttiva cutanea benigna, patologia produttiva cutanea maligna, patologia cicatriziale, patologia della mano, ustioni e varie. Gli interventi sono stati effettuati, secondo la programmazione, sia in anestesia generale che in anestesia locale o regionale con assistenza anestesiologica. Risultati. Il sistema centralizzato da noi sperimentato ha evidenziato numerosi aspetti positivi di tipo sociale e tecnico; modesti gli aspetti negativi, consistenti essenzialmente nella impossibilità di utilizzare il percorso per le prestazioni urgenti e nella rigidità complessiva dello stesso. Conclusioni. Il modello assistenziale sperimentato consente di erogare prestazioni caratterizzate da qualità, efficienza organizzativa e costi contenuti.

Plastic surgery in a day-care public hospital unit

FAGA, ANGELA;
2000

Abstract

Obiettivo. Gli Autori presentano aspetti positivi e negativi della Chirurgia Plastica praticata in una Unità Operativa Ospedaliera centralizzata di day-surgery. Metodi. È stata condotta un'indagine retrospettiva, relativa a 16 mesi (anni 1998-1999) di attività di day-surgery nell'ambito di un sistema centralizzato; i dati ottenuti sono stati paragonati all'attività di day-surgery svolta nell'anno 1997 nell'ambito di un sistema non centralizzato. L'indagine si è svolta presso l'Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo ­ Fondazione Macchi ­ Varese; sono stati trattati in totale 179 pazienti appartenenti a tutte le fasce d'età, dotati di caratteristiche cliniche, intellettuali e sociali tali da consentire la terapia chirurgica in regime di day-hospital. Le patologie trattate sono raggruppabili in sei gruppi: patologia produttiva cutanea benigna, patologia produttiva cutanea maligna, patologia cicatriziale, patologia della mano, ustioni e varie. Gli interventi sono stati effettuati, secondo la programmazione, sia in anestesia generale che in anestesia locale o regionale con assistenza anestesiologica. Risultati. Il sistema centralizzato da noi sperimentato ha evidenziato numerosi aspetti positivi di tipo sociale e tecnico; modesti gli aspetti negativi, consistenti essenzialmente nella impossibilità di utilizzare il percorso per le prestazioni urgenti e nella rigidità complessiva dello stesso. Conclusioni. Il modello assistenziale sperimentato consente di erogare prestazioni caratterizzate da qualità, efficienza organizzativa e costi contenuti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/107727
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 0
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact