Boris Godunov, tra rivoluzione e pessimismo verdiano