Classi verbali e composizionalità: il caso della "doppia inaccusatività" in italiano