Il caso di Pavia e della sua provincia analizzato sullo sfondo del mobilitazione neutralista nel Paese durante mesi che precedettero l'intervento nel primo conflitto mondiale. Le diverse modalità di azione contro la guerra nelle realtà urbane oppure in quella rurale del territorio provinciale, in relazione anche al grado di radicamento delle culture politiche cattolica e socialista; il peso della eredità risorgimentale nella attivazione dei circuiti interventisti, la difficoltà a far valere le ragioni della pace e della neutralità specialmente nel capoluogo per la presenza delle compagini studentesche e accademiche infervorati dell'idea della guerra "giusta" nella prospettiva democratica.

Pavia

TESORO, MARINA;CATTANE, MICHELE
2015

Abstract

Il caso di Pavia e della sua provincia analizzato sullo sfondo del mobilitazione neutralista nel Paese durante mesi che precedettero l'intervento nel primo conflitto mondiale. Le diverse modalità di azione contro la guerra nelle realtà urbane oppure in quella rurale del territorio provinciale, in relazione anche al grado di radicamento delle culture politiche cattolica e socialista; il peso della eredità risorgimentale nella attivazione dei circuiti interventisti, la difficoltà a far valere le ragioni della pace e della neutralità specialmente nel capoluogo per la presenza delle compagini studentesche e accademiche infervorati dell'idea della guerra "giusta" nella prospettiva democratica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/1098314
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact