L'articolo esamina le modalità educative che Platone propone per i cittadini della città di cui prospetta la fondazione nelle "Leggi". Sono passate in rassegna le istituzioni educative in cui ricevono la "paideia" corretta le varie fasce di età e le componenti maschile e femminile. Si mostra come lo scopo di questa educazione, che assume un andamento totalizzante, sia quello di estendere a tutti i cittadini il rispetto delle leggi e dei magistrati, praticando in particolare la virtù dell'aucontrollo (sophrosyne).

Educazione e consenso nelle "Leggi" di Platone

GASTALDI, SILVIA
1984

Abstract

L'articolo esamina le modalità educative che Platone propone per i cittadini della città di cui prospetta la fondazione nelle "Leggi". Sono passate in rassegna le istituzioni educative in cui ricevono la "paideia" corretta le varie fasce di età e le componenti maschile e femminile. Si mostra come lo scopo di questa educazione, che assume un andamento totalizzante, sia quello di estendere a tutti i cittadini il rispetto delle leggi e dei magistrati, praticando in particolare la virtù dell'aucontrollo (sophrosyne).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/110016
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact