Il monossido di carbonio: "killer silenzioso" e "grande imitatore". Parte II