Ancora sulle canzoni di Colin Muset: anomalie formali e tradizione manoscritta