Sulle tracce di un'incipiente riflessione metapoetica: l'elegia 1.2 di Properzio.