Nelle Leggi, Platone usa costanti analogie tra terminologia legislativa e musicale, stabilendo un collegamento etimologico tra speciali categorie di composizioni musicali (i nomoi) e l'inviolabilità delle loro regole. Questo uso è riecheggiato nelle fonti successive, fornendo alla critica letteraria e musicale una terminologia che permette di interpretare i fenomeni musicali come indicatori di mutamenti politici, portando ad una visione distorta dell'antica mousiké.

The Music of the Laws and the Laws of Music. Nomoi in Music and Legislation.

ROCCONI, ELEONORA
2016

Abstract

Nelle Leggi, Platone usa costanti analogie tra terminologia legislativa e musicale, stabilendo un collegamento etimologico tra speciali categorie di composizioni musicali (i nomoi) e l'inviolabilità delle loro regole. Questo uso è riecheggiato nelle fonti successive, fornendo alla critica letteraria e musicale una terminologia che permette di interpretare i fenomeni musicali come indicatori di mutamenti politici, portando ad una visione distorta dell'antica mousiké.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/1121222
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 4
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact