La "malattia delle note" e altre bizzarie. Gadda verso satira e Swift