Sons, pouvoir e mondo antico. A proposito di un libro recente