Ovidio al bivio: una rilettura di am. 3.1