Aristotele e il "giusto politico": tra legge e natura