Uscire di sé per ritrovarsi. Il paradosso dell’attore nel Novecento