Non è mai troppo presto: la lettura secondo Marguerite Yourcenar