I “corridoi umanitari” aperti grazie a sponsor privati: quale base giuridica in Europa?