Testi con due redazioni attribuite ad un unico autore: il caso del 'De animalibus' di Pietro Ispano