Sulla competenza penale del 'praefectus urbi' attraverso il 'liber singularis' di Ulpiano