L’elogio dei giuristi romani nel proemio al III libro delle Elegantiae di Lorenzo Valla. “Per quotidianam lectionem Digestorum semper incolumis et in honore fuit lingua Romana”.