“Parola scenica” in Verdi e nella critica verdiana