Il lavoro ricostruisce la nozione di felicità nella filosofia classica tedesca a partire dalla riflessione di Fichte e di Schelling, nel loro confronto con Kant, per seguirne poi il modificarsi in hegel, dalla critica della felicità empirica negli anni jenesi alla rivalutazione di essa come soddisfazione del singolo nella "Filosofia del diritto" berlinese

Sul concetto di ‘felicità’ in Hegel

FONNESU, LUCA
1998

Abstract

Il lavoro ricostruisce la nozione di felicità nella filosofia classica tedesca a partire dalla riflessione di Fichte e di Schelling, nel loro confronto con Kant, per seguirne poi il modificarsi in hegel, dalla critica della felicità empirica negli anni jenesi alla rivalutazione di essa come soddisfazione del singolo nella "Filosofia del diritto" berlinese
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/121955
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact