Pranzo al sacco o tenzone poetica? Una rilettura di Catull. 13