Il «tragico colorito» della musa zingarelliana dalle cantate da camera alle romanze da salotto