Riforma costituzionale e "corretta gestione della cosa pubblica"