Agostino e l'apoteosi di Romolo