La «cantabilità della parola» nella liturgia. Osservazioni su una questione impalpabile ma inderogabile