Fra astratto e concreto. La lingua di Vitruvio