Una testimonianza estrema: "Tenebrae" di Paul Celan