Che "genere" di risorse umane per la nuova società della conoscenza?