Virtù, piacere e dolore: Aristotele e le "Leggi" di Platone