Muse democraticamente (ma poco) ispirate: il "Parnasso democratico"